ⓘ Miami Dolphins

                                     

ⓘ Miami Dolphins

I Miami Dolphins sono una squadra di football americano della NFL con sede a Miami. Competono nella East Division della American Football Conference. Al 2019, secondo la rivista Forbes, il valore dei Dolphins è di circa 2.76 miliardi di dollari, sedicesimi tra le franchigie della NFL

I Dolphins disputano le loro gare interne allHard Rock Stadium, stadio che ha ospitato diverse edizioni del Super Bowl. La squadra fu fondata nel 1966 da Joe Robbie come expansion team dellAmerican Football League AFL. Nel 1970 i Dolphins entrarono nella NFL quando avvenne la fusione AFL-NFL. Sono la più vecchia franchigia ancora operativa della Florida tra le maggiori leghe professionistiche americane.

È lunica squadra nella storia NFL ad aver disputato una stagione perfetta nel 1972 vincendo tutte le partite del campionato: 14 nella stagione regolare, 2 di play-off e il Super Bowl VII.

                                     

1. Storia

Nel 1966, la AFL stava iniziando ad affermarsi; i proprietari delle squadre ed il Commissioner Joe Foss decisero che era ormai giunto il momento di espandersi. Miami divenne così la nuova frontiera. La squadra, di proprietà di Joe Robbie e della star televisiva Danny Thomas scelse per sé il nome di Dolphins, al termine di un concorso che vide ben 19.843 voti espressi dagli appassionati. Il 2 settembre, davanti ad una folla di 26.776 fans convenuti allOrange Bowl, i Dolphins iniziarono alla grande la loro prima partita di regular season, allorquando Joe Auer portò in meta dopo 95 yards il kickoff dapertura. Tuttavia, i Dolphins uscirono sconfitti dalle mura amiche, piegati per 23-14 dagli Oakland Raiders. La formazione della Florida non riuscì a vincere un incontro fino al 16 ottobre, data in cui sconfissero per 24-7 i Denver Broncos. Da ricordare, in quella partita, lo screen pass del quarterback George Wilson Jr. per Billy Joe, che questi trasformò in una galoppata vincente da ben 67 yards. La prima stagione di vita della franchigia si chiuse con un pessimo 3-11.

Nel primo draft in comune tra NFL ed AFL, i Dolphins selezionarono il quarterback Bob Griese, prodotto di Purdue, con la quarta scelta assoluta. Griese fu gettato nella mischia praticamente subito, quando il titolare John Stofa si ruppe la caviglia il 17 settembre, allesordio contro i Broncos. Griese scese in campo e guidò i DolPhins alla vittoria per 35-21. Ciononostante, anche quellanno si chiuse con un record negativo, un deludente 4-10.

Nel draft 1968, i Dolphins usarono lottava scelta assoluta per il running back All America dalla Syracuse University, Larry Csonka. I Dolphins migliorarono il record finale, passando a 5-8-1, mentre Bob Griese stabilì il record di franchigia con 2.473 yards, 186 passaggi completati e 21 TD.

Nel 1969 i Dolphins fecero due grandi colpi, aggiudicandosi altrettanti futuri Hall of Famers. Prima acquistarono il linebacker Nick Buoniconti dai Boston Patriots, e pochi mesi più tardi la guardia Larry Little dai San Diego Chargers. Nonostante queste buone mosse, i Dolphins furono falcidiati dagli infortuni; tra i più colpiti, Bob Griese, che saltò gran parte della stagione a causa di un problema al ginocchio. I Dolphins terminarono sul 3-10-1, record negativo che condusse al siluramento del coach George Wilson.

                                     

1.1. Storia La perfect season

Nel 1972, i Dolphins partirono con lobiettivo di vincere il campionato, sfuggito nel Superbowl dellanno prima. La formazione di Miami iniziò la stagione a Kansas City, dove, portatasi in vantaggio per 20-0, resistette al ritorno avversario, chiudendo sul 20-10 nella prima gara mai disputata allArrowhead Stadium. Allesordio casalingo, i Dolphins superarono per 34-13 gli Houston Oilers, mentre nella terza giornata i Dolphins batterono in rimonta i Vikings con 10 punti nellultimo quarto, iniziato in svantaggio per 14-6, portando così il record parziale sul 3-0. Il record migliorò ulteriormente una settimana dopo, con la vittoria per 27-17 sui Jets allo Shea Stadium. Nella quinta settimana, i Dolphins videro le loro speranze di Super Bowl messe a serio repentaglio quando Bob Griese si ruppe una gamba nella sfida casalinga contro i Chargers. Tuttavia, il quarterback di riserva Earl Morrall, acquistato a inizio stagione, si fece trovare pronto e trascinò i Dolphins alla vittoria per 24-10. Morrall dovette fare gli straordinari, per sostituire Griese nel resto della regular season. Una settimana più tardi, contro Buffalo, i Dolphins dovettero nuovamente rimontare nellultimo quarto, imponendosi per 24-23 per la sesta vittoria. I Dolphins misero a segno la settima vittoria, piegando per 23-0 i Colts a Baltimora.

Nella settimana 8, Miami sfidò nuovamente i Bills a Buffalo, ma stavolta non dovette faticare troppo, superando i padroni di casa per 30-16. La nona giornata vide i Dolphins superare con un devastante 52-0 i malcapitati New England Patriots allOrange Bowl. Sul record 9-0, i Dolphins erano ancora imbattuti, ma guidati da una riserva, ragion per cui molti pensavano che la prima sconfitta fosse solo una questione di tempo. Nella settimana 10, lOrange Bowl fu il teatro di una sfida tiratissima contro i Jets, che vide i Dolphins spuntarla per 28-24. La formazione di Shula passò sull11-0 con unaltra vittoria casalinga contro i Cardinals, battuti per 31-10.

I Dolphins giunsero così a dicembre ancora imbattuti, dopo aver superato nuovamente i Patriots per 37-21 a Foxboro. Nella settimana 13, allo Yankee Stadium di New York, i Dolphins si imposero sui Giants nellultimo quarto, grazie a due field goal di Garo Yepremian, che fissarono il punteggio sul 23-13. Con 13 vittorie già in carniere, ai Dolphins bastava ancora un successo per chiudere la regular season senza sconfitte. Vittoria che arrivò puntuale quando i Dolphins batterono per 16-0 i Colts allOrange Bowl.

Imbattuta, Miami iniziò quindi la postseason affrontando i Cleveland Browns nel Divisional Playoff. I Dolphins si portarono rapidamente sul 10-0, ma la difesa dei Browns serrò i ranghi, impedendo agli avversari di mettere punti a referto fino allultimo quarto. Dopo un field goal di Yepremian, che portò il punteggio sul 13-0, i Dolphins subirono un inaspettato uno-due dei Browns, che passarono sul 14-13 nellultima frazione di gioco. Negli ultimi secondi, Jim Kiick riuscì a mettere a segno un touchdown dopo una corsa da 8 yard, che diede ai Dolphins la vittoria per 21-14. Con quel successo, i Dolphins approdarono così alla finale di AFC.

Nel 1972, il vantaggio campo non era deciso in base al miglior record, quindi i Dolphins dovettero affrontare una difficile trasferta fino al Three Rivers Stadium di Pittsburgh contro gli Steelers. I Dolphins apparvero subito in difficoltà andando sotto 7-0 ad inizio gara, ma riuscirono a pareggiare prima dellintervallo. Quando gli Steelers ripassarono in vantaggio per 10-7 Don Shula gettò nella mischia il rientrante Bob Griese al posto di Earl Morrall. Ciononostante i Dolphins non riuscirono a cambiare marcia e Shula lanciò il punter Larry Sieple che corse per 17 yard, conquistando un insperato primo down, dal quale partì la rimonta. Due touchdown di Jim Kiick diedero ai Dolphins il vantaggio, che conservarono fino alla fine, imponendosi per 21-17 e diventando il primo team AFC a partecipare a due Super Bowl consecutivi. Nel Super Bowl VII i Washington Redskins erano però dati per favoriti; la" No Name Defense” di Miami imbrigliò tuttavia i Pellerossa per tutto lincontro, limitandoli a sole 87 yard di passaggio ed a 228 yard totali in attacco. I Dolphins si portarono sul 14-0, vantaggio che mantennero fino allultimo quarto, quando su un field goal di Garo Yepremian che avrebbe potuto portare il punteggio 17-0, il calcio venne intercettato e riportato in meta da Mike Bass, cosicché i Redskins accorciarono le distanze, portandosi sul 14-7. La difesa di Miami si dimostrò però impenetrabile per il resto della gara e i Dolphins divennero la prima squadra NFL a disputare una" perfect season”, rimanendo imbattuti sia nella stagione regolare che nei playoffs, chiudendo con 17 vittorie.

Jake Scott, che intercettò due passaggi, venne nominato MVP del Super Bowl,

                                     

1.2. Storia Campioni per la seconda volta consecutiva

Dopo una stagione straordinaria, nel 1973 molti si aspettavano che i Dolphins fossero ancora migliori dellanno prima, ma la caccia alla seconda" perfect season” finì prestissimo: nella settimana 2 i Dolphins vennero infatti scontitti dai Raiders a Berkley, California. I ragazzi di Shula chiusero la stagione regolare sul 12-2. Tra i momenti da ricordare, la partita casalinga del 30 settembre contro New England, nella quale il Runningback Mercury Morris stabilì il record di corsa con 197 yards e 3 touchdown da 24, 70, e 35 yards, che trascinarono i Dolphins alla vittoria per 44-23. L11 novembre i Dolphins lasciarono a secco i Colts per la quarta volta di fila 44-0. I Dolphins chiusero la regular season con il successo per 34-7 sui Detroit Lions: in quellincontro, Paul Warfield mise a segno 4 ricezioni da touchdown. La vittoria portò il bilancio dei Dolphins sul 26-2 in due anni, miglior record NFL per un tale arco temporale. I Dolphins affrontarono i Cincinnati Bengals nel Divisional Playoff, superandoli agevolmente col punteggio di 34-16 ed approdando al Championship AFC. In quellincontro, i Dolphins si trovarono nuovamente opposti agli stessi Raiders che avevano messo fine alla loro striscia vincente. Stavolta, però, la partita si disputò tra le mura amiche dellOrange Bowl, e i Dolphins si vendicarono, piegando gli avversari per 27-10, con 266 yards corse. I ragazzi di Shula staccarono così il biglietto per il loro terzo Super Bowl consecutivo, divenendo la prima formazione di sempre a riuscirvi. Il Super Bowl VIII, fu giocato al Rice Stadium di Houston, contro i Minnesota Vikings. Il grande protagonista fu Larry Csonka, poi nominato MVP dellincontro, che corse per 145 yard, e mise a segno 2 touchdown, trascinando i Dolphins alla vittoria per 25-7 e al loro secondo Lombardi Trophy di fila. I Dolphins divennero così la seconda squadra di sempre a vincere 2 Super Bowl consecutivi. Il gioco sulla corsa ed il controllo della palla furono così schiaccianti che Bob Griese dovette solo completare 6 passaggi su 7 per 73 yards, mentre sul terreno la formazione della Florida guadagnò 196 yard. Nelle 3 gare di playoff, i Dolphins chiusero con un incredibile bilancio punti di 85-33.



                                     

1.3. Storia Anni post-Super Bowl vinti

Nel 1974 linizio della pre-stagione venne rinviato a causa di uno sciopero. I rapporti difficili tra la NFL ed i giocatori si rivelarono un serio ostacolo per le chance dei Dolphins di conquistare il terzo Super Bowl di fila. A rendere ancor più difficile la situazione ci fu la nascita della World Football League, che attirò a sé diversi giocatori dei Dolphins. Ancora una volta, i Dolphins conquistarono il titolo di division con il record di 11-3, vincendo anche la propria 31ª partita consecutiva in casa, un record NFL. I Dolphins volarono ad Oakland per il primo turno di playoff, con lobiettivo di giungere fino al Super Bowl. La vittoria dei Raiders mise fine al regno dei Dolphins. Tra i momenti da ricordare, la 19ª e 20ª vittoria consecutiva dei Dolphins contro i Buffalo Bills. Per tutti gli anni settanta, i Dolphins totalizzarono un record di 20-0 negli scontri diretti contro la formazione di Buffalo, il che impedì, tra laltro, ad O.J. Simpson di conquistare alcun successo nei playoff. Nei divisional playoff, i Dolphins non ebbero scampo contro i Pittsburgh Steelers, che si portarono sul 20-0 già nel primo quarto, finendo poi per imporsi per 34-14, nella corsa al loro secondo Super Bowl consecutivo. Dopo alcune stagioni senza particolari allori, i Dolphins tornarono alla ribalta nella stagione 1982.

Nella stagione accorciata per sciopero del 1982, i Dolphins, guidati dalla difesa nota come "Killer Bs defense", tenne cinque dei suoi nove avversari a 14 o meno punti segnati, spianando la strada per la quarta partecipazione al Super Bowl. Nei primi due turni di playoff, essi vendicarono sconfitte precedenti, abbattendo i New England Patriots, 28–13 vendicandosi per la sfortunata Snow Plow Game allo Schaeffer Stadium disputata precedentemente nelle stagione e i San Diego Chargers, 34–13 allOrange Bowl. Nella finale della AFC i Dolphins batterono i New York Jets 14–0, raggiungendo il Super Bowl XVII, perso contro Washington, 27–17.

                                     

1.4. Storia Lera di Dan Marino 1983-1999

Nel Draft NFL 1983, i Dolphins scelsero il quarterback Dan Marino dallUniversità di Pittsburgh, scivolato alla chiamata numero 27 del primo giro. Durante la terza gara della stagione 1983 contro i Los Angeles Raiders nel Monday Night Football, Shula sostituì il quarterback David Woodley col rookie Marino, che avrebbe finito col guidare la NFL in passaggi la AFC con 20 touchdown e soli 6 intercetti.

Nel 1984, i Dolphins vinsero le prime 11 gare della stagione regolare, terminando con un record 14–2 tuttora il migliore della franchigia in un campionato a 16 gare. Marino, nella sua prima stagione completa, disputò una delle stagioni più impressionanti della storia della NFL per un quarterback, stabilendo diversi record NFL stagionali per yard passate 5.084, passaggi da touchdown 48 e passaggi completati 362, venendo premiato come MVP della NFL. Miami si vendicò della sconfitta coi Seahawks dellanno precedente battendoli 31–10 e poi superò gli Steelers 45–28 nella finale della AFC, qualificandosi al Super Bowl XIX. Nellattesa sfida tra i due più grandi quarterback dellepoca, Dan Marino e Joe Montana, Miami fu sconfitta dai San Francisco 49ers 38–16. Quella sarebbe stata lunica apparizione della carriera di Marino al Super Bowl.

Miami terminò con un record di 12–4–0 nel 1985 e, in unepica resa dei conti nel Monday Night Football, batté i precedentemente imbattuti Chicago Bears, infliggendo loro lunica sconfitta della stagione. Dopo aver rimontato uno svantaggio di 21–3 nel terzo quarto dei divisional playoff battendo i Cleveland Browns 24–21, molte persone sognavano di vedere una rivincita contro Chicago nel Super Bowl XX. La Cenerentola New England Patriots però, avversaria dei Dolphins nella finale della AFC, cambiò i piani della squadra di Shula. New England forzò sei palloni persi agli avversari e vinse 31–14, la prima vittoria dei Patriots a Miami dal 1966. I Patriots venivano da una striscia di 18 sconfitte consecutive allOrange Bowl. Nel 1969, i Boston Patriots avevano battuto i Dolphins al Tampa Stadium.

Nel 1986, i Dolphins, rallentati da problemi difensivi, partirono con un record di 2-5 e terminarono 8–8, mancando i playoff per la prima volta dal 1980. I Dolphins persero la loro gara finale allOrange Bowl contro i New England Patriots 34–27 nel Monday Night Football. I problemi continuarono nella stagione 1987 accorciata di una gara per un altro sciopero, con un record di 8-7 nel primo anno al Joe Robbie Stadium. Miami ebbe la sua prima stagione perdente 6–10 dal 1976 nel 1988 mentre terminò il 1989 con un bilancio di 8-8. Dopo alcune stagioni altalenanti dove la squadra arrivò a giocarsi in più di unoccasione la finale AFC, nel 1995, Marino superò i record NFL di Fran Tarkenton per yard 48.841, touchdown 352 e passaggi completati 3.913 in carriera e Don Shula si ritirò e divenne un dirigente dei Dolphins. Nel 1999, Marino annunciò il suo ritiro.

                                     

1.5. Storia Gli anni post-Marino 2000-2015

Negli successivi alladdio di Marino, i Dolphins cambiarono nove quarterback nello spazio di sette anni, nella speranza di trovare un degno erede del quarterback che li aveva guidati per 16 anni, senza però risultati di rilievo. I Dolphins riuscirono a qualificarsi per i playoff solo 3 volte nellarco di 15 anni.



                                     

1.6. Storia Adam Gase 2016-2018

Il 9 gennaio 2016, il coordinatore offensivo dei Chicago Bears Adam Gase fu assunto come capo-allenatore dei Dolphins. Con il nuovo allenatore, il più giovane della NFL, i Dolphins riuscirono a centrare per la prima volta dopo otto anni i playoff al primo tentativo, dove furono eliminati nel turno delle wild card dai Pittsburgh Steelers. Nei successivi due anni la squadra non riuscì a replicare gli stessi risultati della stagione 2016 terminando il campionato senza centrare i playoff. Gase venne così licenziato al termine della stagione 2018 con un record negativo compplessivo di 23 vittorie e 25 sconfitte.

                                     

1.7. Storia Brian Flores 2019-

Il 4 febbraio 2019, Brian Flores fu assunto come nuovo capo-allenatore dei Dolphins, il 13º della storia della franchigia.

                                     

2. Loghi e uniformi

I Miami Dolphins hanno tre maglie, due tradizionali con i colori sociali invertiti; indossano principalmente una maglia bianca quando giocano in casa, ad eccezione delle partite in notturna e in trasferta nelle quali usano una maglia color verde acqua. Dal 2003, i Dolphins hanno introdotto la terza maglia, tutta arancione, utilizzata per la prima volta in una vittoria contro Washington. La maglia è stata di nuovo utilizzata nel 2004 in un Monday Night Football che contrapponeva i Dolphins con un record di 2-11 contro New England che si trovava su 12-1. In quella gara Miami ottenne una vittoria a sorpresa. Sono state utilizzate di nuovo nel 2009 in una vittoria contro i Jets. Tuttavia i dolphins persero lanno successivo di nuovo con i Jets e la maglia non fu più utilizzata.

Il casco è bianco con profili verde acqua e arancio e ai lati un delfino che salta davanti ad un sole raggiante.